AdWords e Facebook funzionano entrambi su base PPC (pay-per-click) ma questo è praticamente il solo punto di confronto. Se la tua attività utilizza la ricerca a pagamento, avrai sicuramente familiarità con la piattaforma AdWords di Google. Ma se stai pensando di dilettarti nelle pubblicità di Facebook, allora ci sono alcune differenze cruciali che dovresti sapere.

Molti inserzionisti commettono l’errore di vedere le pubblicità di Facebook e AdWords in un modo binario, l’uno o l’altro, come si stesse facendo un confronto tra mele e arance; ogni piattaforma ha i suoi vantaggi e svantaggi che però devono essere conosciuti nella gestione del tuo marketing mix.

Il targeting

La differenza principale tra AdWords e Facebook è il modo in cui scegli come target il tuo pubblico. AdWords è una piattaforma di ricerca a pagamento, vale a dire che fai offerte su parole chiave specifiche, ad esempio “alimenti biologici per animali domestici”, che attivano la pubblicazione degli annunci sopra i risultati di ricerca quando un utente esegue una ricerca Google che include tale parola chiave.

La pubblicità su Facebook, d’altra parte, è una forma di social retribuita, in cui si targetizza il pubblico utilizzando dati demografici (ad esempio donne di età pari o superiore a 29 anni) e comportamento degli utenti (ad esempio gradire determinate pagine, come “Animali sani”). Quando un utente soddisfa questi criteri, i tuoi annunci appariranno nei loro newsfeed.

Gli obiettivi

Il fatto che i metodi di targeting differiscano così tanto tra le due piattaforme ci dice molto sul modo in cui vengono utilizzati. In parole povere, AdWords è un modo per raggiungere nuovi clienti, mentre Facebook consente ai nuovi clienti di trovare la tua attività.

Poiché AdWords utilizza il modello di offerta per le parole chiave, significa che gli utenti sono generalmente pronti all’acquisto; per esempio, se stanno cercando “alimenti biologici per animali domestici”, allora puoi essere abbastanza sicuro che sono vicini a fare un acquisto. Per questo motivo, AdWords viene spesso utilizzato come strumento per incentivare le vendite o altri tipi di conversione.

Anche se Facebook è in grado di offrire un ottimo ROI, la granularità delle sue opzioni di targeting e la varietà di formati di annunci (vedi sotto) significa che può essere utilizzato per una serie di altri scopi, come aumentare la consapevolezza del marchio e stimolare l’impegno del cliente.

Gli annunci

Un’altra differenza fondamentale tra Facebook e gli annunci AdWords sono gli stessi annunci. Gli annunci AdWords sono costituiti esclusivamente da testo: due titoli con un massimo di 30 caratteri e una riga descrittiva composta da un massimo di 80 caratteri.

Al contrario, Facebook offre una vasta gamma di formati di annunci, tra cui post di foto, post di video, carousel pubblicitari e annunci su tela – che includono tutte le immagini. L’elemento visivo è ciò che distingue realmente la pubblicità di Facebook da Google AdWords, consentendoti di creare annunci audaci e irresistibili che fanno sì che il tuo pubblico faccia clic e nega convertito all’acquisto.

Un approccio combinato

Come abbiamo visto, le pubblicità di Facebook e Google AdWords sono piattaforme uniche che offrono ciascuna una serie diversa di vantaggi. I marketer più intelligenti sanno che invece di vederli come elementi alternativi, è possibile utilizzare entrambe le piattaforme in modo complementare, ognuna delle quali svolge un ruolo distinto nel marketing mix complessivo.